in , ,

Angry Cry Cute LOL Love OMG WTF

Quanto tempo per entrare in chetosi?

Quanto tempo ci impiega il nostro corpo ad entrare in uno stato chetonico? Vediamolo in questo articolo.

tempi e modalita' della chetosi

In questo articolo, andremo a parlare delle tempistiche e modalita’ in cui e’ possibile entrare nello stato chetonico ed e’ bene prepararsi mentalmente al fatto che non lo si puo’ fare in 5 minuti, ne’ e’ un processo cosi’ semplice in quanto il nostro corpo, vissuto fino a quel momento basandosi sul consumo di zucchero, passera’ ad una fonte di energia -il nostro carburante quotidiano- completamente diversa.

Tempi e modalita’ in cui il corpo entra in fase chetonica

Le cellule del nostro corpo infatti dovranno diventare nuove macchine per il grasso, fabbricando nuovi enzimi i quali dovranno scomporre un tipo differente di combustibile.

Se ci troviamo in una condizione di perfetta salute, questo passaggio puo’ accadere anche soltanto in una settimana ma generalmente servono dalle 4 alle 6 settimane per ottenere il passaggio completo allo stato chetonico, dove il nostro corpo si sentira’ e reagira’ in maniera diversa rispetto al precedente regime.

Ma come si fa a sapere esattamente quando la chetosi inizia a funzionare? Uno dei primi effetti e’ quello di perdere l’appetito -anche per lunghi periodi-, oppure non avere una voglia spasmodica di cibi a forte contenuto di zucchero, o quando sentiamo la mente piu’ focalizzata ed il cervello meno annebbiato ricordando meglio le cose, oppure quando uriniamo di piu’ durante la notte. Questi appena elencati, sono percio’ tutti fattori postivi che vogliamo riconoscere una volta iniziato questo percorso e che indicano come il nostro fisico si sta adeguando al nuovo regime alimentare.

Ricordiamoci che durante il processo per entrare in questa fase chetonica, possiamo avere uno o piu’ fattori di quelli appena menzionati, che tutti o anche la presenza di solo alcuni sono segnali che il nostro corpo si sta adattando al nuovo stato facendoci percio’ capire che siamo sulla giusta strada!

Ridurre gli zuccheri a zero -almeno nella fase iniziale della dieta chetonica-

Infatti non possiamo pensare di immettere nel nostro corpo un po’ di zuccheri ogni giorno e che la chetosi inizi a mostrare i suoi frutti, dobbiamo avere la forza fisica e mentale per portare avanti la chetogenesi fino in fondo, non a meta’ – come d’altronde ogni dieta se fatta seriamente-.

 

tempi e modalita' della chetosi

E’ necessario portare il consumo di cibi e bevande a base di zucchero praticamente a zero per entrare davvero in chetosi perche’ in presenza di zucchero, il corpo bruciera’ sempre quest’ultimo e non i grassi. Dobbiamo in definitiva allenare il nostro fisico a diventare una macchina brucia grassi ed una volta raggiunto questo stato, i benefici psico-fisici saranno talmente elevati e ci sentiremo talmente piu’ in forze -perdendo anche peso naturalmente- che non vorremo tornare piu’ indietro.

 

L’importanza del Gruppo vitaminico B

Pensiamo adesso a quando ci sentiamo stanchi, senza forza ne’ energia fisica ne’ mentale: questo significa che il corpo ha carenza vitaminica, specialmente del gruppo B ed in particolare B5 (acido pantotenico) che se reintroddotto nel nostro fisico, ci dara’ subito la giusta energia per non sentirci cosi’ affaticati.

Per quale motivo questa vitamina e’ cosi’ importante? Perche’ la B5 aiuta gli enzimi che bruciano i grassi a svolgere la loro funzione ed in carenza di questa vitamina il nostro corpo si stressa sentendosi affaticato. Dobbiamo quindi nutrire il nostro corpo con il cibo e le sostanze di cui necessita per fargli svolgere le sue funzioni al meglio.

tempi per entrare in chetosi

Talvolta puo’ accadere di avere dei crampi ai muscoli, il che significa generalmente una carenza di potassio che e’ possibile evitare introducendo dalle 3 alle 5 porzioni di verdura al giorno. Infatti il consumo costante di verdure e’ alla base della chetogenesi in quanto il potassio in esse contenuto e’ necessario non solo per liberare il fegato dal grasso che si puo’ accumulare ma anche per aiutare il sistema nervoso ed i muscoli.

^^una piccola nota va qui aggiunta che e’ quella di assumere delle soluzioni di elettroliti durante la chetosi in quanto si perdono molti liquidi e quindi il corpo puo’ trovarsi in una situazione di stanchezza muscolare anche per la carenza di sale ed altri minerali^^

L’entrata in chetosi deve essere un processo graduale

Ci sono infatti persone che volendo entrare in uno stato di chetosi velocemente, aumentano l’ingestione di grassi dalle 3 alle 5 volte tanto rispetto al precedente stato e facendolo in maniera cosi’ repentina che rischiano di creare dei danni importanti alla cistifellea. E’ opportuno percio’ introdurre i grassi nel nostro regime alimentare un poco per volta per abituare il sistema digestivo a questa nuova condizione.

quanto tempo e' necessario per entrare in stato chetonico

Concludiamo dicendo che bisogna essere pazienti, dobbiamo concedere al nostro corpo il giusto tempo di abituarsi ad espletare le sue funzioni basandosi su un regime alimentare totalmente diverso nelle modalita’ e nei tempi rispetto al precedente. Non aspettiamoci di entrare in chetosi in un giorno o due bensi’ cerchiamo di farlo gradualmente per poi mantenere questa dieta e non smettere subito nel caso non si vedano dei risultati immediati.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 14

Upvotes: 7

Upvotes percentage: 50.000000%

Downvotes: 7

Downvotes percentage: 50.000000%

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dieta Chetogenetica : 3 Consigli Per Ottenere I Migliori Risultati

Puo’ essere pericolosa la chetosi?